La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Incontro in Mondadori: Oscar Fantastica e novità


Nel pomeriggio dell'11 aprile, presso la sede della Mondadori a Segrate, si è tenuto un incontro in cui la casa editrice ha presentato la nuova collana Oscar Fantastica, all'interno della quale sono stati recentemente ripubblicati i volumi de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.

La Mondadori ha quindi raccontato il progetto editoriale di cui è espressione Oscar Fantastica, un progetto di natura tematica che, malgrado il nome, dovrebbe essere piuttosto scollegato da classificazioni di genere letterario e puntare invece ad aggregare invece quella fascia di potenziali lettori che oggi sono generalmente consumatori di altri media, quali film, serie televisive, fumetti o videogiochi.

Saranno quindi presenti opere di letteratura fantastica tout court, tra cui per l'appunto Martin, o la serie Shadowhunters Cassandra Clare, oppure The Alchemy Wars, ciclo di genere steampunk di Ian Tregillis, già collaboratore di Martin nell'universo Wild Cards. Ma a questi titoli si affiancheranno novellizzazioni di videogiochi, come le recenti uscite di Batman, e in generale di libri che abbiano - o potrebbero avere in futuro - trasposizioni attraverso altri media. Faranno parte della collana anche autori italiani, a partire dalle ristampe delle trasposizioni di Dragonero.

La nuova collana avrà inoltre un sito web dedicato e uso di materiali di ultima generazione, a partire da una particolare carta particolarmente flessibile per le copertine, che dovrebbe evitare i sollevamenti della copertina stessa con l'uso del libro, ed una carta interna di migliore qualità.

 

Nel caso di Martin la linea editoriale Mondadori trova piena evidenza nei volumi pubblicati: le illustrazioni delle copertine, in realtà fotografie appositamente editate, riprendono elementi della saga talvolta iconizzati secondo gli stilemi della serie televisiva, così come televisivo è anche il font usato per il titolo e televisivo è anche il titolo stesso, Il Trono di Spade anziché Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. A domanda diretta in merito, la motivazione data dalla casa editrice sta nella possibilità, fruendo di elementi iconografici facilmente riconoscibili e generalmente apprezzati, di espandere la platea di potenziali lettori.

Degno di nota è il fatto che le nuove copertine sono state sottoposte all'approvazione di Martin, il quale ha dimostrato di averle particolarmente apprezzate.

Entrando nello specifico delle opere di Martin, inoltre, gli Oscar Fantastica sostituiranno i normali Oscar: questo significa che quando uscirà The Winds of Winter ci sarà la versione Omnibus spezzata, la versione Oscar Fantastica, la versione con la copertina ispirata alla serie TV e la versione "pelle di drago", ma non ci saranno più i normali Oscar. Tale scelta editoriale spiega tra l'altro anche il motivo per cui la nuova collana ha riproposto i libri in versione frammentata.

A proposito di TWOW, invece, non ci sono novità sull'uscita del libro. Né la Mondadori né Altieri sanno qualcosa di più di quanto Martin ha pubblicato sul suo blog.

In attesa del pezzo pregiato, la Mondadori eseguirà comunque un'opera di ristampa della collezione Dreamsongs in due volumi in "pelle di drago": già parzialmente pubblicata in modo piuttosto confusionario negli anni precedenti con Le torri di cenere, I re di sabbia e i due volumi de I canti del sogno, finalmente la grande raccolta vedrà la luce in modo organico e completo, rispettando l'ordine originale dei pezzi e soprattutto pubblicando anche i brani di saggistica, fino a questo momenti esclusi.

Resta infine congelata la pubblicazione di Wild Cards, ma la Mondadori ha intenzione di riprenderla una volta chiusi i progetti editoriali martiniani sopra indicati.

 

 

Tirando le fila, la pubblicazione di Dreamsongs - se ne verranno rispettate le modalità - è sicuramente la novità positiva più rilevante della giornata, almeno per i fan di Martin: finalmente la grande RRetrospective vedrà la luce in lingua italiana in forma integrale, e anche se è datata 2003, costituisce ancora oggi la principale raccolta non-ASOIAF di George Martin.

Al contrario, la notizia che gli Oscar Fantastica sostituiranno gli Oscar tradizionali anziché affiancarvisi farà storcere il naso a molti dei collezionisti più accaniti, che si vedranno costretti a cambiare edizione; interrogata sulla questione la Mondadori ha spiegato come nella sua linea editoriale l'edizione per collezionisti dovrebbe essere quella "pelle di drago", laddove le altre, in special modo quella Oscar (Fantastica o meno), dovrebbero essere destinate ad un pubblico meno interessato a tale aspetto.

Piuttosto positivo anche lo spiraglio sulla continuazione di Wild Cards: gli ultimi libri pubblicati, così come i successivi tre-quattro, sono forse i peggiori del ciclo, quelli che hanno costretto la serie ad interrompersi per lunghi anni anche negli USA. Difficilmente saranno libri in grado di restituire un adeguato ritorno economico, quindi la promessa della Mondadori di riprendere la pubblicazione - se verrà confermata - è da accogliere con entusiasmo.

Quanto a TWOW... beh, allarghiamo sconsolati le braccia, ma siamo sicuri che alla Mondadori lo desiderano quanto noi.