La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Intervista a Martin - Entertainement Weekly


Fonte www.ew.com - Traduzione di Lord Beric



So che hai una vita al di fuori di A SONG OF ICE AND FIRE, ma penso rispondere alle mail che sarebbe un gesto di gentilezza verso i tuoi fan, che hanno atteso pazientemente che tu finissi. Perché ti comporti come se volessi far sbollire i tuoi fan in questo modo?

Ho provato a dare molte risposte a questo tipo di domanda. Ho fatto aggiornamenti sul mio sito, o sul mio blog. Ma nulla pare soddisfare la gente. Oppure, soddisfi Bill, ma poi Fred si arrabbia per il tono che hai usato nella risposta a Bill, e cose del genere. Di certo non penso di essere un cavaliere verso i miei fan. Penso di soprassedere ed ignorare le chiamate al dovere in termini di mantenermi in contatto, e i miei editori e redattori vogliono così, io voglio così. E lo sto scrivendo! Cosa volete che faccia, che lo mandi incompleto, o brutto? Ci sto lavorando più che posso. Scriverlo è dura, talvolta, e di certo non vado veloce come vorreste. Una cosa che ho imparato è smettere di provare a prevedere quando sarà finito.


Perché A DANCE WITH DRAGONS ti sta prendendo così tanto tempo, se è già stato scritto?

Questo è un malinteso comune. Delle parti di A DANCE WITH DRAGONS sono state finite nel 2005, quando ho completato A FEAST FOR CROWS. Non è che avessi due libri completi. Avevo un libro completo, ed uno parzialmente scritto. E io avevo fatto una stima su quanto mi ci potesse volere per trasformare quel libro parziale in uno completo, ed ero stato scioccamente ottimista. [risate] Che posso dire? Mi ci sta volendo molto di più.


Perché ti viene così facile uccidere i tuoi protagonisti?

È molto irritante quando apri un libro, e dieci pagine dopo sai già che l'eroe che incontri a pagina uno o due passerà indenne a mille peripezie, perché è l'eroe. È completamente irrealistico e non mi piace. Se ero un soldato che andava in guerra, sarò stato decisamente spaventato la notte precedente. È una cosa spaventosa. E io voglio che i miei lettori provino questa paura mentre voltano le pagine. Voglio che sentano che nessuno è al sicuro - che se il mio personaggio è circondato da tre persone armate di spada, è in seri guai, perché è uno contro tre. È un bellissimo modo per mostrare che non si sta scrivendo un'avventura da cartone animato dove l'eroe uccide venti uomini alla volta grazie alla sua favolosa abilità con la spada e passerà indenne attraverso mille peripezie facendo battute tutto il tempo.


Nella serie A SONG OF ICE AND FIRE, per la morte di quale personaggio hai ricevuto più lettere dai tuoi lettori?

La scena più difficile da scrivere è stata il matrimonio nel terzo libro. La più violenta e difficile. Ed ho avuto molte mail dai lettori, molte dicevano che ero stato brillante, ma altre dicevano che non mi avrebbero più letto dopo quello, che avrebbero posato i miei libri, era troppo doloroso. Ma è stata fatta per essere dolorosa. È stata dolorosa da scrivere, dovrebbe esserlo da leggere, dovrebbe essere una scena che ti spezza il cuore, e ti riempie di terrore e di dolore. Questo è cosa cerco di fare.


Come procedere con la trasposizione della HBO di A SONG OF ICE AND FIRE in una serie TV?

Beh, il copione è stato scritto da David Benioff e D. B. Weiss, ed è stato sottoposto qualche mese fa. All'HBO è piaciuto, mi hanno detto, e stanno sistemando il budget, ma ancora non è stato dato il semaforo verde. Naturalmente, lo sciopero dei produttori ha colpito tutti, così non c'è modo di dire cosa stia accadendo ad Hollywood. Ma la HBO è proprio quello che volevo per questo tipo di lavoro fin dall'inizio. La serie, una volta finita, sarà di circa 10.000 pagine, così la storia è davvero troppo lunga, anche per una serie di film. E c'è un bel po' di sesso e di violenza, ragione per cui non ho mai potuto guardare davvero ad altri mezzi di comunicazione. HBO può fare tutto nel modo in cui deve essere fatto. Incrociamo le dita. È tutto nelle mani della HBO, adesso.


Sai già come vuoi far terminare A SONG OF ICE AND FIRE?

Oh sì, conosco la fine. Mi piace usare la metafora del viaggio. Se io mi devo muovere da New York a Los Angeles, posso guardare una mappa e sapere che mi dovrò spostare via Chicago e Denver. Ma questo non significa che io sappia cosa accade ad ogni curva del mio viaggio, dove ci possa essere un imprevisto e dove un autostoppista. Queste sono cose che scopro durante il viaggio. E, per me, questo è il bello dello scrivere.


Pensi che le "alte fronti" della letteratura sbaglino ad escludere capolavori fantasy come quelli di Tolkien dall'alta letteratura?

Sì, lo penso davvero. [risate] Non userò la frase "alte fronti della letteratura", che è una sorta di elitarismo al contrario. Ma penso che il fantasy e la fantascienza siano legittimamente una parte della letteratura. Penso di parlare virtualmente per tutti gli scrittory fantasy e di fantascienza che è una rabbia costante per qualcuno che lavora in questo campo se viene prodotto un buon pezzo e ci si senta dire "Oh, questa non è fantascienza, è troppo bella." Più recentemente, è capitato con Cormac McCarthy e THE ROAD. E' assolutamente un libro di fantascienza e sta vincendo tutti quei premi e la gente dice "no, no, non è fantascienza". Beh, è fantascienza ed è letteratura. È menta per l'alito e caramella alla menta!


In che modo la morte dell'autore de THE WHEEL OF TIME Robert Jordan ha cambiato le tue priorità personali e professionali?

Non posso dire che abbia cambiato qualcosa, ma mi ha rattristato immensamente. Conoscevo Jim - Jim Rigney era il suo vero nome - ed era una persona molto gentile e generosa. Quando iniziai la mia serie me la pubblicizzò brevemente, un commento per la copertina che mi procurò parecchi lettori. E il suo lavoro ha realmente reso possibile la mia serie. Jordan, essenzialmente, ha rotto lo schema a trilogia che Tolkien aveva aiutato a costruire. Ci ha mostrato come realizzare un'opera più grande di una trilogia. Non penso che la mia serie sarebbe stata possibile senza che THE WHEEL OF TIME raggiungesse il successo che ha avuto. Io ho sempre voluto divagare, e Jordan, con la sua grandezza, lo ha reso posssibile con il suo ciclo.


Ho amato FEVRE DREAM. Scriverai un altro romanzo horror?

Il prima possibile, ma prima devo finire A SONG OF ICE AND FIRE. Mi piacciono tutti questi generi. Mi piace l'horror, mi piace la fantascienza, e mi piace anche la fantasy storica e il mistero. Mi piace fare cose diverse, e quando avrò finito A SONG OF ICE AND FIRE penso che mi guarderò intorno e vedrò cosa mi piacerà scrivere. Ma non è probabile per un certo numero di anni, così chi può dirlo?


Hai realizzato un sacco di storie ambientate nello spazio. Cosa ti ha portato da questo all'high fantasy? Era qualcosa che avevi sempre voluto fare?

Horror, fantascienza, fantasy - sono cresciuto leggendo tutte queste cose. Mio padre era solito chiamarle "cose soprannaturali". Leggevo Tolkien una settimana, e la settimana dopo leggevo Robert A. Heinlein, e la settimana dopo ancora H. P. Lovercraft. Ed oggi abbiamo queste barriere di genere, come se fossero cose completamente differenti. Ma sono tutte storie che hanno tutte un elemento di soprannaturale. Posso scrivere un romanzo di fantascienza come mia attività principale dopo aver finito A SONG OF ICE AND FIRE. Non ho mai lasciato l'horror, non abbandonerò il fantasy. Provo a fare tutto. Mi piacciono i misteri, gli assassini - magari scriverò di un assassinio misterioso, la prossima volta. Non voglio che mi si dica "oh, tu scrivi questo genere di cose, quindi per favore smettila e continua a scrivere la stessa cosa per sempre." Sarebbe noioso.


A SONG OF ICE AND FIRE sembra sia scritto da un punto di vista politicamente progressista (pieno di personaggi femminili forti, personaggi gay, eccetera). Come rispondi alle critiche secondo cui sei caduto in un cliché stereotipato di fantasy maschilista, mostrando molti rapporti espliciti donna-donna ma mai alcun rapporto esplicito uomo-uomo?

Beh, ah, gosh. Non so, non ho mai pensato a questa cosa!


Questa è una domanda decisamente particolareggiata (che penso non dovrebbe chiesta in un'intervista generale): in A STORM OF SWORDS, c'è un capitolo verso l'inizio dove Sansa pensa ad una scena ambientata alla fine di A CLASH OF KINGS quando il Mastino irrompe nella sua camera durante la battaglia. In quel capitolo lei pensa a come l'aveva baciata, ma in A CLASH OF KINGS, in effetti, questo non avviene. È un errore di stampa o cosa?

Non è un errore di tipografia. È così! [risate] "Narratore inaffidabile" è la definizione corretta, qui. La seconda scena è tratta dai pensieri di Sansa. E cosa vuol dire questo dal punto di vista psicologico? Cerco di essere sottile in queste cose.


Arya riavrà indietro il suo metalupo?

Continua a leggere e lo scoprirai!


Commenta sul Forum