La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Intervista a Martin - Blood, Blade & Thruster


Fonte www.bbtmagazine.com - Traduzione di Lord Beric



Tutti stanno entusiasticamente aspettando A DANCE WITH DRAGONS. Mentre procedi nella serie, rispetto a quando sei partito, stai trovando maggiori difficoltà mentre la storia va avanti? Sta diventando più complessa?

Beh, è decisamente complessa a questo punto. Sì. Molto complessa, e penso che abbia raggiunto l'apice della complessità. Questa però è solo una parte. Voi sapete che A DANCE WITH DRAGONS è l'altra metà di A FEAST FOR CROWS. Inizialmente si trattava di un solo grande libro, così, in un certo senso, sto lottando con lo stesso libro da molti anni; più di quanto mi piaccia pensare. Fortunatamente quando avrò finito DACCE mi sposterò su un nuovo scenario e procederò un po' più facilmente, ma la complessità è di certo la causa principale del mio rallentamento.


E posso immaginare che parte di quella complessità, tra le altre cose, derivi dall'avere un mondo così dettagliato. Ci sono così tanti personaggi. Tieni una "Bibbia" o una guida per tenere traccia di tutto ciò che ritieni necessario?

Ho qualcosa del genere... possiedo annotazioni, ovviamente, e file sul mio pc; qualcosa della timeline e cose del genere, ma probailmente non tanto quanto si potrebbe pensare. Molto materiale è nella mia testa, che non è necessariamente veloce come un computer quando si tratta di cercare piccole porzioni di informazioni.


Non posso credere che tu tenga tutto lì dentro. C'è così tanto di cui tenere traccia.

[risate] Sì, è così. E se iniziassi la serie oggi, probabilmente mi organizzerei in un modo un po' diverso. Quando iniziai molti anni fa (una quindicina) non sapevo quello che so ora e stavo scrivendo nello stesso modo in cui scrivevo i miei altri romanzi; semplicemente iniziando da pagina uno, e sai, non ho mai avuto problemi con i miei libri precedenti (FEVRE DREAM o DYING OF THE LIGHT) a tenere tutto a mente. Così perché avrei dovuto avere problemi con questo? Beh, sai, ce l'ho fatta, ma è un ordine di grandezza diverso.


Ti devo chiedere della serie... È eccitante, la serie HBO.

Sono emozionato da questa cosa. Lo dicevo da anni, quando la gente chiedeva "ne farai un film?", sai, non pensavo potesse essere un film. È troppo grande per essere un film. È troppo grande per tre film. Anche se avessimo avuto quello che aveva ottenuto Jackson per THE LORD OF THE RINGS, non si sarebbe potuto fare. Non lo puoi contenere in nove ore, tre film da tre ore ciascuno, in nessun modo. In questo modo, avremmo avuto dodici ore per libro. E questo, naturalmente, dando per scontato che funzioni. Voglio dire, a questo punto, "è un'opzione". C'è un accordo per uno sviluppo e David Benioff e D. B. Weiss stanno scrivendo la trama per la versione su schermo. E poi vedremo dove si arriverà da lì. Ma questo è il primo passo e penso sia il modo migliore per trasporre questa storia per un mezzo di comunicazione fisico.


Anche tu sei coinvolto nello sviluppo?

Beh, se la cosa andrà avanti sarò coinvolto. Sarò coproduttore. E scriverò un episodio per stagione. Il mio compito principale è scrivere i libri. Dopotutto, fino a che i libri non sono finiti, non sapranno cosa stanno per adattare, no?


Così sei emozionato di tornare nel mondo della produzione TV. Hai un buon background in questo, vero?

Sì, sì... non penso che tornerò a tempo pieno nella televisione, ma è bello di tanto in tanto uscire da qui.


So che è molto presto, ma... Hai in mente un cast stellare? Qualcuno che vedi in qualche parte?

Sai, l'ho fatto... Qualcosa come quindici anni fa quando iniziai avevo pensato a qualche persona, ma ora sono tutti troppo vecchi. Sono persone a cui pensavo dieci o quindici anni fa ma sono trascorsi solo due o tre anni nei libri. E ne sono passati quindici nella vita reale, quindi...


Di chi si sarebbe trattato?

A volte ho pensato che Nicole Kidman sarebbe stata buona per Cersei. E svariati altri, non li ricordo tutti al momento, ma ora faremo assolutamente dei provini. Ci serviranno per trovare le persone adatte.


Cosa ne pensi sull'usare attori sconosciuti piuttosto che... beh, delle star?

Non si possono usare delle star. In primo luogo, siamo in televisione. Non ci possiamo permettere i grandi nomi del cinema. E secondariamente, sai, ci sono così tante parti. So che i fan realizzano il cast dei loro sogni e mettono delle star in ogni parte. Non stiamo facendo un film da cinquanta grandi star da dieci milioni di dollari, sai...


Potrebbero non vedere realizzato il proprio sogno in ogni caso, anche se non ci metti dentro delle star, è quasi più bello avere attori sconosciuti...

Giusto... Voglio attori... sì, attori. Questo è il punto cruciale. Un bel po' di attori inglesi sarebbero una bella cosa. Voglio dire, gli attori inglesi in serie come ROME e simili tendono a portare molto valore ad un dramma storico. Lo fanno meglio. Il loro percorso è un po' differente; dove ci sono attori che possono davvero immergersi in un ruolo piuttosto che star che lo portano... Sai, uno degli appelli più forti a Jackson era che Sean Connery interpretasse Gandalf. D'altra parte, io penso che THE LORD OF THE RINGS sarebbe stato molto diverso se fosse andata così, se avessero scelto lui invece di Ian McKellen.


Un'ultima domanda; sei qui per la promozione di THE ICE DRAGON, quindi cosa ci puoi dire di questo lavoro? E cosa ti ha spinto a realizzarlo?

Bene, a dire il vero è colpa sua... [chiama Parris, la sua dolce metà]

[Parris] Cosa ho fatto adesso?

... hanno chiesto di THE ICE DRAGON. È una breve storia che ho scritto molti anni fa. E sono vent'anni che lei mi dice che ne sarebbe venuto fuori un magnifico libro per bambini, ed io finalmente le ho dato retta e ne ho ricavato un libro illustrato per bambini. Ho dovuto, per fare questo, modificarla un po'. La storia breve originale aveva alcuni passaggi troppo per adulti per essere in un libro per bambini. Così li ho tolti e ho diviso il tutto in capitoli, e ho fatto qualche altra cosetta e penso che siamo tutti contenti di come è venuto fuori. Ha avuto una splendida idea, vent'anni fa.

[Parris] Devo proprio dire che "l'avevo detto."


Commenta sul Forum