La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

In memoria di Syrio: intervista a Miltos Yerolemou


Fonte: gameofthrones.hu

Le terza intervista della nostra serie è a nessun altro che a Miltos Yerolemou, che interpreta il fantastico Syrio forel.
Miltos ha una formidabile esperienza di teatro, essendo stato attore e direttore della famosa Royal Shakespeare Company, ma fino a questo momento aveva partecipato solo a film e serie TV minori. E’ una persona straordinariamente simpatica, alla mano e brillante, e ci ha risposto molto gentilmente all’invito, dandoci risposte dettagliate a tutte le domande (di cui alcune sono quelle postate da voi).
Miltos è stato abbastanza cortese da mandare al nostro sito un’immagine dedicata, che può essere vista qui.
L’intervista può contenere spoiler, dunque non leggere oltre se non hai visto i primi otto episodi.
 
"La Prima Spada di Braavos non scappa”
 
GameofThrones.hu: Per quelli che non lo sanno: come hai ottenuto la parte?
Miltos Yerolemou: Nina Gold, la direttrice del casting, mi ha invitato per un’audizione tramite il mio agente. La prima volta che sono andato a leggere per lei ho chiesto di leggere la parte di Varys. Nonostante non fossi adatto a quel ruolo, hanno apprezzato la mia lettura e circa due settimane dopo mi hanno chiesto di leggere per Syrio Forel. Stavano cercando attori con capacità di scherma eccezionali prima di tutto, in modo che siano in grado di rappresentare il carismatico insegnante. Io avevo avuto un sacco di esperienze con la coreografia, con il ballo, le acrobazie e la scherma, perciò sapevo di poterle sfruttare bene. Ho fatto il provino un paio di volte prima che i produttori e gli sceneggiatori venissero a UK e mi intervistassero personalmente. E il resto è storia, come si dice…
 
GoT.hu: In un podcast, tu hai detto di non aver conosciuto i libri prima di essere stato scelto nel cast per lo show. Hai iniziato a leggere ora la saga A Song of Ice and Fire?
MY: Sì, i libri non erano sotto il mio sguardo, ma quando sono andato a comprare a Game of Thrones ho visto che era il numero 1 nella lista dei best seller della fiction fantasy. Sto iniziano a leggere il secondo libro e sono andato in fissa. Ho un po’ di recupero da fare!
 
GoT.hu: Syrio Forel ha senza dubbio il più grande fanbase tra i personaggi “minori” della serie. Quale pensi che sia la ragione di questo? Eri spaventato da questi enorme fanbase (e dalle loro alte aspettative) quando hai iniziato a girare lo show?
MY: Penso che ogni attore sia un poco spaventato dalle aspettativa della gente. Essendo anch’io fan di certi libri, so cosa significa avere un’immagine di un personaggio nella propria testa e sperare che essa venga realizzata in un modo che ti soddisfi. Ma la squadra di creativi della serie ha capito quello che stavano cercando e questo è il motivo per cui volevano un giusto “spirito” e una giusta “aria” per il personaggio, anche se non era pelato e con il naso a becco! Credo che Syrio sia molto amato per via del rapporto con Arya. E’ l’unico che la ascolta e capisce il suo “spirito”, a parte ovviamente suo padre.
Penso che sia anche impressionato dal suo entusiasmo e potenziale. Ciò è soddisfacente per i lettori e gli spettatori. La vediamo crescere sotto il suo tutorship. E anche se può non essere un personaggio principale, la sua influenza su di lei le cambia la vita. Inoltre, è severo ma affettuoso e in fine è molto bravo in ciò che fa. E’ spontaneo sia nell’insegnare che nel combattere. E sicuramente ci sono molto pochi personaggi eroici in A Game Of Thrones, ma lui è uno di questi. Dedica sé stesso a lei.
 
GoT.hu: Syrio è l’insegnante di uno stile di scherma strano ed eccezionalmente dinamico, che è davvero come una danza. Come ti sei preparato per questa parte del ruolo?
MY: GRR Martin è così approfondito nel delineare gli eventi e i personaggi nei suoi libri, ma non rivela molto per quanto riguarda la “danza dell’acqua”. Sappiamo che non si basa sul tagliare e sullo squarciare e che ha molto a che fare con il flusso dell’acqua e il sangue. Quindi questo era il mio punto di partenza. Sapevo subito che volevo allenarmi con qualcuno appena sono stato selezionato. Quindi ne ho parlato al team e loro hanno organizzato che fosse William Hobbs a farmi da tutor nella prima lezione. Lui è sulle 70ina e ha coreografato alcuni dei combattimenti più famosi nella storia del cinema. Era come il mio Syrio personale! Abbiamo lavorato insieme vicini, sviluppando un vocabolario, uno stile di movimenti e di tecniche di insegnamento. Mi piace il suo approccio perché lui capisce che ogni movimento e azione arriva da un personaggio e ha bisogno di una prospettiva. Nessuna mossa deve essere lì solo perché sembra bella. Deve venire dal personaggio. Quindi gli ho parlato molto di come pensavo che fosse Syrio e siamo partiti da lì. Abbiamo giocato sull’agilità dei gatti, sul flusso dell’acqua e su come essere “nel momento” sia tutto. Azione e reazione, flessibilità della mente e del corpo.
Abbiamo iniziato con tante mosse vistose e poi siamo giunti alla consapevolezza che chiunque sia bravo in ciò che fa non ha nulla da dimostrate. Quindi abbiano raffinato tutto finché non è diventato senza sforzo, aggiungendoci anche un po’ di giocosità. Dopo sono andato a Belfast e insegnato a Maisie ciò che ho imparato, e quindi facendo questo abbiamo iniziato a creare il nostro rapporto. Ma tutto ciò che abbiamo fatto nelle scene è derivato dal lavoro che io e Bill abbiamo creato insieme. E io devo essere parecchio riconoscente per aver avuto una tale leggenda come insegnante. Mi ha davvero ispirato.
In seguito Buster si è sostituito e ha messo insieme alcuni fantastici combattimenti, in particolare il combattimento con la guardie Lannister nell’episodio 8.
 
GoT.hu: Noi vediamo Syrio solo quando allena Arya. Cosa pensi che faccia quando non è al lavoro?
MY:Credo che mediti e stia con sé stesso. Si nasconde non visto e guadra il mondo passargli oltre. Osserva e scruta sempre. Probabilmente pesca, ma non con una canna da pesca… con qualcosa di insolito. Questo è ciò che amo dei grandi insegnanti che ho conosciuto, sono sempre non convenzionali. Ti insegnano cose senza che nemmeno te ne renda conto.
 
GoT.hu: Come ha fatto un passato Primo Spadaccino a finire al servizio di un qualche straniero lord oltre il mare?
MY: Si è ritirato. Forse non amava le decisioni che faceva il Signore del Mare, forse è uno specchio del rapporto tra Ned e Robert ad Approdo del Re? Qualsiasi sia stata la ragione, ora appartiene a sé stesso. Forse a Braavos è successo qualcosa di tragico, come ciò che è accaduto a Obi Wan Kenobi con il suo allievo nella saga di Star Wars?
Come attore, ti piace sempre giocare con questi pensieri e invenzioni, ma alla fine in una scena rispondi al momento. Ciò che accade in quel rapporto con l’altra persona, in quell’istante, è questo tutto ciò che conta davvero. Ma è utile avere un po’ di storia, perché l’unico modo in cui puoi fare un’impressione è abitando il tuo personaggio nel modo più totale e completo possibile. Penso che qualcuno come Ned saprebbe chi è Syrio, e saprebbe dove trovarlo.
 
GoT.hu: Che genere di partner è stata Maisie Williams a lavorarci insieme?
MY: Maisie è stata fantastica. E’ una ballerina e quindi impara immediatamente la coreografia. Io ci ho lavorato per un mese e lei l’ha appresa solo in pochi giorni! E’ giocosa, rilassata e così intelligente. E’ pensierosa e sa esattamente ciò che fa. Le mie scene con lei sono state senza sforzo e abbiamo avuto una bella affinità fin dall’inizio.

GoT.hu: Quale tipo di influenza pensi che Syrio Forel avrà in seguito sulla vita di Arya?
MY:Credo che ripenserà costantemente ai suoi insegnamenti. Penso che lui le dia un luogo di calma quando lei si trova in situazioni terribili. Cerca di insegnarle a fidarsi dei suoi istinti e ad ascoltare il proprio cuore.
 
GoT.hu: Syrio e Arya davvero vanno molto d’accordo, e Arya diventa velocemente una discepola perfetta. Pensi che l’influenza di Syrio è importante per lo sviluppo del personaggio quanto (o persino più  che) gli insegnamenti di suo padre?
MY: E’ una domanda difficile. Penso che suo padre sia così importante per lei perché la capisce. Dopo tutto, se non fosse stato per lui, lei non avrebbe avuto Syrio come proprio insegnante. Ma Syrio la tratta come una pari. E a lei questo piace. Le dà il rispetto ed è anche fermo ed esigente. Penso che sia suo padre che Syrio le insegnino l’onore, il rispetto e il dovere. “La Prima Spada di Braavos non scappa mai…”
 
GoT.hu: Quali elementi hai usato per creare l’accento distinguibile di Syrio?
MY: Ho pensato di recitare con un accento greco, visto che è abbastanza naturale per me. Ma non volevo essere così riconoscibile cole greco, quindi l’ho spinto un po’ più a est. Quindi ha dei tocchi di persiano. Volevo semplicemente che fosse forte, ma non volevo che la gente fosse capace di identificarlo.
 
GoT.hu: Ci sono grandi masse di fans che credono che Syrio Forel sia vivo. Qual’è la tua opinione sulla questione? (Non abbiamo ancora visto l’episodio 8, ma nei libri non è del tutto chiaro se lui è davvero morto, soltanto molto probabile…)
MY: Ha. Beh. Conosco le teorie riguardanti Syrio e un altro personaggio che deve ancora apparire… ma tutto ciò che posso dire è di aspettare di vedere l’episodio 8, e potremo parlarne dopo… questo è tutto ciò che dico… per ora… è abbastanza come risposta?

GoT.hu (dopo aver visto l’episodio 8): Visto che non abbiano visto la fine di Syrio, cosa pensi? E’ vivo? E’ morto? E’ Jaqen? E se ne avessi la possibilità, torneresti a Westeros?
MY: Sicuramente mi piacerebbe comparire di nuovo. Westeros ha bisogno di tutte le persone oneste che può avere, c’è sicuramente scarsità! E’ stato dibattuto e discusso così tanto, nel corso degli anni, su questa questione, e sicuramente ci sono molte somiglianze tra Syrio e Jaqen, ma il so solo questo… Lui non scappa. Non uccide Meryn Trant e non abbiamo avuto notizie di lui dall’incontro. Quindi mi piace pensare che abbia fatto il sacrificio finale per proteggere la sua allieva e amica, e come ha detto non ha paura della morte. Per guerrieri come lui è un onore morire per una causa nobile e giusta.
MA. Non dice ad Arya di dire “cosa TU dici al dio della morte”. Lui dice “cosa NOI diciamo al dio della morte”.
Non oggi, piccola, non oggi… *sogghigna maliziosamente*
 
GoT.hu: Hai avuto qualche esperienza divertente degna di nota o qualche ricordo, che ti piacerebbe menzionare, durante le riprese di Game of Thrones?
MY: Maisie mi ha fatto fissare con Fruit Ninja (gioco dell’iPhone), a cui giocavamo tra le riprese. Io sarò stato il suo maestro di scherma, ma lei pulirebbe il pavimento con una spada da samurai! Siamo diventati dipendenti, infatti l’intero cast si è fissato. Inclusi David e Dan.
 
GoT.hu: Come sai, il nostro è un sito ungarese e siamo fieri di sapere che circa metà degli stuntman di Malta erano ungaresi. Hai incontrato qualcuno di loro?
MY:Ho spaccato i loro sederi, visto che hanno fatto la maggior parte delle guardie Lannister nell’episodio 8, quindi ho passato giornate a pugnalarli e gettarli oltre le mie spalle. Perciò sono diventato intimo con loro! Da tutto ciò che ho sentito, gli ungaresi sono degli eccezionali spadaccini e stuntman. Posso testimoniarlo, erano fantastici. Non importa quante volte ho esagerato con una botta o li ho colpiti come si deve in faccia o in mezzo alle gambe: non si sono mai lamentati. Io mi sarei scusato e loro avrebbero semplicemente detto “nessuno problema” e sarebbero stati colpiti di nuovo. Buster me lo ha sempre detto: se gli stuntman si feriscono è colpa loro, non tua… è il loro lavoro quello di non farsi ferire. Questo mi ha fatto ridere… ma era vero.
 
GoT.hu: Quanti episodi hai visto dello show? Qual è la tua opinione sullo show in generale?
MY: Lo ho visti tutti fino ad ora. Tutti e 6. E li guardo avidamente. Penso che abbiano realizzato qualcosa in modo splendido. E’ molto intenso, e la recitazione è uniformemente eccezionale, e la tensione sta salendo episodio dopo episodio. E’ imprevedibile e dettagliato. Sappiamo tutti che è stato fatto con molto amore e cura e attenzione al dettaglio, e siamo stati tutti molto fieri di essere stati parte di qualcosa che sia i critici che i fans amano e apprezzano. Questo genere di esperienze capitano molto raramente e mi sento così fortunato di esserne stato parte.  
 
GoT.hu: Sei prima di tutto un attore teatrale. Sei mai stato avvicinati da qualche grande produzione cinematografica dopo Game of Thrones?
MY: Beh, sarò visto questa estate in The Inbetweeners Movie. L’ho fatto giusto dopo aver girato Game Of Thrones. Molto diverso da Syrio. Interpreto un cameriere greco eccessivamente amichevole, che è molto scarso nel proprio lavoro. E’ avuto alcuni casting molto eccitanti, ma finché qualcosa non è confermato davvero non posso tentare il fato. Tieni le dita incrociate per me! (Sicuramente lo faremo!)
 
GoT.hu: C’è qualcosa che ti piacerebbe chiedere a uno degli attori? E chi sarebbe lui/lei? Cercheremo di contattare lui/lei e chiederglielo in un’altre intervista, se ne avremo la possibilità.
MY: Voglio chiedere a Jack Gleeson che interpreta Joffrey, come puoi far sembrare l’interpretazione di una spietata piccola m*****a così naturale? O è una recitazione eccellente, o sono molto molto spaventato :)
 
Noi auguriamo la miglior fortuna a Mr. Yerolemou in tutte le sue imprese future, e Miltos: grazie. Proprio così.


Commenta sul Forum