La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

D&D parlano della seconda stagione


La prima stagione del 'Gioco del Trono' arriva a conclusione questa domenica, dopo aver conquistato molti spettatori che normalmente non si immischiano nel fantasy. Ha anche lasciato alcuni fan – quelli che non avevano ancora letto i libri di Martin – completamente scioccati dalle morti brutali di alcuni personaggi principali (alcuni più amati di altri).

La HBO ha garantito allo show un'altra stagione, rimandando i produttori David Benioff e dan Weiss a Belfast, dove stanno lavorando furiosamente per adattare una sceneggiatura dal secondo libro della saga, 'Scontro di Re'.

Hanno parlato al telefono di quali personaggi riappariranno nella seconda stagione e della quasi-impossibilità di creare una serie per pay TV partendo da libri che dipingono un mondo epico e sempre più complesso.

Ci sono alcuni cambiamenti di una certa importanza tra il primo libro e il secondo - personaggi diversi, nuovi ambienti, grandi scene di battaglia e nuovi elementi come...i draghi. Quanto vi state mantenedo fedeli al libro?

Weiss: Il libro sarà sempre la nostra struttura di base, la nostra bibbia di riferimento. Si tratta soprattutto di cercare l'equilibrio tra mantenere a tutto tondo i personaggi su cui gli spettatori hanno investito tanto tempo, e introdurre tutti questi nuovi personaggi con cui George se ne è venuto fuori, e garantirgli la loro parte. E' questo su cui stiamo lavorando ora.

Quindi state ancora riscrivendo?

Benioff: Decisamente stiamo ancora scrivendo. Parti con il tuo scenario ideale, e poi la dura realtà ti colpisce e devi fare degli aggiustamenti. Siamo ancora nella fase di aggiustamento. C'è molto da scrivere e ancora molti cast da fare. Per la maggior parte dei telefilm, se arrivi ad una seconda stagione hai finito con la maggior parte del casting. Con il secondo libro e la seconda stagione, fanno la loro comparsa tutta una serie di nuovi personaggi.

Weiss: Siedo qui guardando la griglia del casting, che è una griglia di nomi e facce di tutti i personaggi. L'anno scorso, mi ricordo, ero così eccitato quando la guardavo settimana dopo settimana – piano piano si riempie e alla fine...hai questo bel muro di facce che rappresenta il tuo cast. Ora sto riguardando la griglia, e metà della gente se ne è andata perchè è stata completamente massacrata. E ora c'è una griglia da riempire di nuovo con un nuovo gruppo di gente.

Benioff: Fortunatamente è un cast abbastanza grande per cui le persone a cui siamo affezionati...tutta la riga superiore è di tutta gente che conosciamo.

Weiss: C'è gente diversa nella riga superiore, ma tutta la riga superiore è di gente che conosciamo [NdT: ??. Si, hanno detto così], e quasi tutta la seconda riga.

Benioff: Dovremmo tenere anche un poster di fantasmi.

Weiss: I cari estinti. Ma alla fine i cari estinti sarebbero più numerosi del cast.

Ci sono state molte morti nella prima stagione. Chi fa i nostri riassunti ha tenuto il conto dei morti e dei seni – e spesso è un numero di seni dispari.


Weiss: A seconda della nostra scelta dei costumi, potrebbe essere ancora più dispari.

Benioff: Questa è una battuta per addetti. Uno dei personaggi visita Meereen, e la moda della città in quel libro è che le donne indossino vestiti che lasciano scoperto un seno. Ma non siamo sicuri che riporteremo questa cosa.

La prima stagione ha ispirato un discreto ammontare di conversazioni sul sesso nella serie – se ci siano troppi nudi gratuiti, se dobbiate o no mostrare scene di stupro. Avete già affrontato queste cose?

Benioff: Lo stupro? Molto, molto poco.

Weiss: Lars Von Trier non ha insegnato niente?

Benioff: Non sapevo...

Weiss: Non è che non siamo interessati [alle conversazioni], ma siamo stati così occupati che non abbiamo avuto il tempo di fare quello che ci verrebbe naturale, cioè metterci a sedere e leggere commenti sul nostro spettacolo.

Martin vi ha dato alcune risposte, e continuerà ad avere lo stesso grado di coinvolgimento?

Benioff: Sta scrivendo un episodio per la prossima stagione, probabilmente il più pesante, la Battaglia della Baia delle Acque Nere. Ora che siamo sul campo a Belfast, e che stiamo lavorando con la squadra degli effetti speciali, e con la squadra di produzione che creerà i set, dobbiamo parlare con George di come appare. E' coinvolto proprio come nella prima stagione. Guarderà i video dei provini da lontano, e intanto riceveremo le risposte agli episodi.

Weiss: dopo ogni episodio riceviamo una scheda di risultati.

Benioff: Ed è stato così gentile da lasciarci leggere il nuovo libro in anticipo, il che è grande. E' bello essere l'invidia dei fanboy.

Questo può essere pericoloso.

Benioff: Non lo porto con me.

Weiss: Quindi non è sul tuo iPhone?

Benioff: E' terrificante pensare, se mai ci arriveremo, a come tenteremo di girare alcune delle cose con cui

se ne è uscito negli anni futuri. Qualcosa di cui preoccuparsi per molti, molti anni a partire da ora...

Anche nel libro 2, non ci sono grandi battaglie e draghi?

Benioff: Di solito dicevamo, quando abbiamo puntato la HBO, che se fossimo arrivati al punto in cui prendere queste decisioni sarebbe diventato un problema grosso, avrebbe significato che saremmo arrivati alla seconda stagione. Ora che ci siamo davvero, non sembra un problema così grande – è un problema terrificante, e proviamo ogni giorno a risolverlo. Vogliamo metterci molti metalupi e draghi e flotte militari imponenti. Quindi è un fatto di dove e come farlo e quanto mostrare...

Cosa succederà ai personaggi principali che rimangono in gran parte fuori scena per il libro 2? Terrete gli attori in magazzino?


Weiss: Nel libro ci sono un paio di personaggi che hanno un ruolo più invisibile e tornano in scena nel terzo libro. Ma nel caso di, diciamo, Robb Stark – interpretato da Richard Madden – lui ha più un ruolo fuori scena nel libro, ma Richard ha fatto un lavoro così eccezionale una volta che il suo personaggio è venuto alla ribalta, ha dominato la scena così tanto, che ci siamo resi conto che non c'è modo di parlare di questo ragazzo senza averlo nello show. Quindi c'è gente fuori scena nel libro si cui scriveremo in scena nel telefilm, per assicurare agli spettatori che si sono innamorati di loro che ci saranno anche nella seconda stagione.
 

Benioff: Nel caso di Jaime Lannister, ha una scena nel secondo libro, ma è un personaggio così importante che vogliamo vedere più di lui. Alcune scene trovano la loro strada dal terzo libro nella seconda stagione con fluidità, proprio come alcune scene del secondo libro trovano la loro nella fine della prima stagione. Volevamo essere sicuri che quei personaggi rimanessero in mente al pubblico e non sparissero per un anno intero.

Si presume che Martin sia aperto a compromessi, visto che ha parlato della sua stessa esperienza di lavoro in TV?

Weiss: Si, è un sollievo, perchè ci avrebbe spezzato il cuore avere qualcuno che ha fatto quel che George ha fatto, dal punto di vista di creazione di un mondo, che non capisse quel che significa adattare alla televisione, e che si sentisse male ad ogni cambiamento. 

Benioff: Ti abbiamo raccontato la storia su [l'esperienza di Martin come sceneggiatore TV], credo che fosse ''La Nuova Zona del Crepuscolo''? Aveva scritto una scena con dei cavalieri che si davano battaglia a cavallo a Stonehenge, e il regista è andato da lui e gli ha detto 'Puoi avere i cavalli O puoi avere Stonehenge'. E' così che decidiamo le cose. Ci dispiace, vorremmo poter fare tutto, ma dobbiamo fare una scelta cavallo/Stonehenge.

Weiss: non ricordo la scelta di George nella storia originale, ma spero che sia stata Stonehenge.


Commenta sul Forum