La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Intervista a Bran


Fonte: ScienceFiction.com


Facendo il suo debutto l’anno scorso in ‘The Awakening’, poi seguito con il suo ruolo come Brandon (o Bran) Stark nella prima stagione di ‘Game of Thrones’, Isaac Hempstead Wright è un giovane uomo indaffarato.
Con la Stagione 2 filmatae in fase di preparazione per debuttare l’1 aprile sulla HBO, sono stato abbastanza fortunato da beccare Wright. Abbiamo avuto la possibilità di parlare di tante cose, come la caduta dalla torre nella prima stagione, o alcune scene più difficili da filmare nella Stagione 2, e
come ha iniziato a recitare.
E non preoccupatevi! Non può rivelare nulla della Stagione 2, quindi non correte il rischio di spoiler.
 
Ecco quello che ha avuto da dire quando abbiamo parlato:
 
Tu o la tua famiglia avete letto i libri? Come hai reagito quando hai scoperto di essere stato scelto come Bran Stark?
Mia madre ha letto i primi due libri e mio padre attualmente è al quinto libro. E anche un sacco di nostri amici sono stato presi da essi. Ho cercato di leggere Game of Thrones, ma l’ho trovato un po’ scoraggianti. Ho intenzione di riprovarci quando sarò un po’ più grande. Eravamo davvero emozionati quando ho ottenuto la parte, anche se ripensandosi non credo che sapessimo cosa significasse. E’ stata un’esperienza totalmente nuova per noi.
 
Quanto è diversa la personalità di Bran dalla tua? Cosa hai apportato al ruolo? E’ stato difficile entrare nel personaggio?
All’inizio è un bambino di dieci anni abbastanza tipico, quindi non così diverso da me. Purtroppo, la vita ha in serbo alcune cose crudeli per Bran e lui deve sopportare alcune difficoltà estreme. Non riesco a immaginare come sia davvero perdere la tua famiglia, l’uso delle gambe e tutte le tue certezze, quindi non sono sicuro che sia possibile entrare completamente nel suo personaggio. Ma penso che sia forte e intelligenze, e ha un buon istinto di sopravvivenza, e un buon amico in Hodor!
 
Com’è dover recitare senza l’uso delle gambe?
Non mi sembra davvero strano recitare senza l’uso delle gambe, ma mi rende più consapevole di come uso il resto del mio corpo.
 
Com’è lavorare con i cani? Visto che in questa stagione su di essi è stato usato il CGI, è stato un cambiamento difficile?
Lavorare con i cani è stato davvero figo. I cuccioli nella scena dei metalupi sono molto dolci, e volevo davvero portarmene uno a casa. Il mio lupo adulto di chiama Elsa ed è bellissima. In questa stagione è ancora sul set, sono contento di dirlo. Quindi con l’aggiunta del CGI non c’è stato un cambiamento enorme.
 
E’ stato strano sapere che saresti finito in una scena dove saresti stato buttato da una torre? Come ti sei preparato per una cosa simile?
L’ho trovato figo, visto che ero su un filo per scalare la torre, e dopo sono dovuto cadere indietro su un materasso di sicurezza quando sono stato spinto fuori. La squadra stunt era grandiosa: ho imparato molto da Paul [Jennings, Coordinatore Stunt], Amie [Stephenson, Manager Stunt] e Buster [Reeves, Assistente del Coordinatore Stunt]. Suppongo che sia stato in po’ bizzarro che qualcuno stesse cercando di uccidermi, ma Nikolai [Coster-Waldau, che interpreta Jaime Lannister] continuava a scusarsi, e io dicevo ‘no, davvero, va tutto bene!’
 
Qual è stata la tua parte preferita nel filmare la serie?
Mi è davvero piaciuto imparare cose sul processo di ripresa. Le telecamere sono fantastiche, con tutti i diversi obiettivi, e non conoscevo lavori come focus puller, addetti ai caricamenti o assistenti della telecamera, e supervisori della sceneggiatura. Mi è piaciuto anche fare conoscenza con la crew e il cast. Mi sono fatto dei buoni amici.
 
Qual’è stata la scena che ti è piaciuto di più filmare? Qual è stata la più difficile?
La mia scena preferita da filmare nella prima serie è stato l’attacco dei bruti: è stato davvero eccitante, con tanta azione drammatica. Sono affascinato dalle protesi, sono così realistiche. Mi hanno dato alcuni modelli di scorta di ferite e tagli con cui ho potuto spaventare i miei amici. La scena più difficile è stata la scena dell’esecuzione del pilot, a causa del tempo. Faceva così freddo e i venti erano così pungenti. Penso che possa aver raggiunto la temperatura di meno 400°c.
 
Hai qualche storia dal set che ti piacerebbe condividere con noi?
Stare sul set è un gran divertimento. C’è così tanto che succede. E’ un costante essere vestito, i costumi e il trucco sono sempre controllati, ci sono così tante attrezzature tecniche ovunque e tutti sono davvero positivi e amichevoli. E’ proprio un posto figo in cui stare. Persino quando aspetti al freddo e nell’umidità, non mi dispiace. Chiacchiero con gli altri membri del cast, gioco a carte, faccio amicizia. E in questa stagione passo molto tempo con Hodor [Kristian Nairn], che è brillante. Kristian è un tipo davvero amabile e divertente, mi fa davvero ridere.
Non ci sono scene tagliate, cosa che in qualche modo mi ha sorpreso. Tu guardi questi show di scene tagliate e hai l’impressione che tutto vada storto sul set di un film. In GoT, una volta che il regista dice “azione”, tutto è molto professionale, nessuno fa degli errori. Tuttavia, ho avuto un piccolo incidente nella scena nel cortile aperto in cui Bran sta facendo tiro con l’arco. Dovevo saltare un recinto e inseguire Arya [interpretata da Maisie Williams]. Abbiamo fatto molte riprese e mi sono davvero divertito a scavalcare il recinto. Avevo appena iniziato a immaginare di essere in un film di James Bond quando ho perso l’appoggio, mancato completamente il recinto e sono volato, atterrando con un tonfo sull’altro lato. Tim Van Patten [il regista] ha pensato che fosse molto divertente.
 
Com’è combinare la scuola con le riprese?
Posso davvero consigliare di combinare la scuola e le riprese! Ho avuto molti giorni di permesso, è bello! E la mia scuola mi è stata davvero di supporto. Mi preparano del lavoro che faccio con un tutor o con mia mamma. Funziona bene, finora.
 
Sei vicino agli altri membri del cast?
Conoscere il cast è stato molto eccitante. Sono davvero vicino alla mia famiglia Stark e a tutti domestici degli Stark (e, in modo controverso, anche ai Lannister!) Sono stato molto fortunato ad avere molte scene con Donald [Sumpter, che interpreta il Maestro Luwin], che è stato incredibilmente disponibile e gentile con me. Sono riuscito a incontrare anche altri membri del cast. Jason [Momoa, che ha interpretato Khal Drogo nella Stagione 1] è molto grosso. Mi può sollevare con un braccio.
 
Dev’essere stato emozionante ricevere il tuo primo assegno di pagamento. Qual è stata la prima cosa che hai comprato?
Sì, è abbastanza incredibile essere pagati per avere tutto questo divertimento, ma a essere sincero mia mamma non ama molto che io spenda i miei soldi, perché vuole che li risparmi come fondi per l’università. Però per fortuna mi ha lasciato comprare alcune cose, la prima delle quali è stata una videocamera Canon HV30 e alcuni editing software, così potevo iniziare a fare i miei film.
 
Recitare era qualcosa che hai sempre voluto fare?
Non ho mai progettato di recitare. Mi sono unito al drama club solo perché mi evitava di giocare a football le mattine invernali del sabato. Sono stato molto fortunato ad avere il ruolo di Bran. Mia mamma ha detto che potevo solo fare sei audizioni. Ho avuto un annuncio e GoT è arrivato alla sesta.
 
Ti vedi a recitare ancora nel future?
Mi piacerebbe proseguire con la recitazione, o forse scrivere o dirigere quando sarò più grande.


Commenta sul Forum