La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

GoT - Martin su Tyrion, Tywin e Shae


 

"Entertainment Weekly" ha fatto un paio di domande a George R.R. Martin sulle vicende di Approdo del Re che hanno avuto per protagonisti Tyrion, Tywin e Shae nell'episodio "The Children". [Possibili spoiler e riferimenti ai libri]

EW: Quando Tyrion va a confrontarsi con suo padre, cosa pensa di fare? Una semplice conversazione?

GRRM: Non credo che a quel punto ci stia pensando. E' giunto al culmine. Ha perso tutto. Sta per salvarsi, andando clandestinamente da qualche parte, ma che diavolo farà lì? Ha perso la sua posizione all'interno di Casa Lannister, ha perso la sua posizione a corte, ha perso tutto il suo oro - che è quello che gli ha permesso di andare avanti per tutta la sua vita. Tutti gli svantaggi dell'essere un nano, erano colmati dalla sua provenienza familiare e da tutto l'oro che aveva per acquistare cose - compresi seguaci come Bronn e altre persone che lo difendevano. Adesso ha perso tutto questo e inoltre scopre che Jamie -l'unico parente che amava incondizionatamente e che stava sempre dalla sua parte- ha avuto una parte in questo evento traumatico della sua vita [nb:parla dei libri], il tradimento ultimo. Sta così male che vuole fare del male ad altre persone, ed è un capriccio del momento quando riconosce dove si trova, sa che quelle scale portano negli alloggi che una volta erano suoi e che suo padre gli ha portato via. Così sale per vedere il padre, e non penso che sappia che cosa dire o fare. Poi lì ci troviamo Shae ed è un ulteriore shock per lui, un'altra pugnalata allo stomaco.

EW: Ricordo che quando lessi i libri fui sconvolto dalle false accuse che gli vennero mosse contro e poi si finisce con lui che commette questi omicidi. C'è del rammarico perché si voleva che tutti sapessero dell'innoncenza di Tyrion, ma dopo i fatti di quella notte è condannato.

GRRM: Se tiri troppo la corda, questa si spezza. Tyrion ha raggiunto il suo punto di rottura. E' stato all'inferno, ha fronteggiato la morte più e più volte ed è stato tradito, dal suo punto di vista da tutte le persone di cui lui si è preso cura, e che ha cercato di conquistare. Per tutta la vita ha cercato di ottenere l'approvazione di suo padre, e nonostante tutti i suoi dubbi si è innamorato di Shae, le ha donato il suo cuore.

Credo che le due azioni siano abbastanza differenti, sebbene accadano a poca distanza l'una dall'altra. E' furioso con Tywin perché ha scoperto la verità sulla sua prima moglie [Tysha, citata di sfuggita nella prima stagione] e Tywin continua a chiamarla prostituta. Secondo la sua logica è così, lui non ama Tyrion, quindi nessuno può: una popolana cerca di portarsi a letto il nano solo perché è un Lannister, così può diventare una lady e arricchirsi. Equivale all'essere una prostituita, e Tywin vuole che Tyrion impari la lezione. Così continua a riferisi a lei con la parola "p****na" ed è come buttare sale sulla ferita; Tyrion gli dice di non farlo, di non pronunciare ancora quella parola, lui lo fa e il dito di Tyrion preme il "grilletto".

Una cosa importante che ha fatto presa su di lui fin dalla sua giovinezza, perché è proprio una filosofia di Lord Tywin, è che non si fanno minacce se non si è in grado di realizzarle. (...) Le tue minacce devono avere peso. Questo ha attecchito su Tyrion. Suo padre ha pronunciato quella parola, il suo dito ha premuto, la decisione di una frazione di secondo, ed è fatta. E questo lo perseguiterà. Tywin era suo padre e la cosa lo tormenterà probabilmente per il resto della sua vita.

Con Shae, è molto più consapevole e per certi versi crudele come cosa. Non è l'azione di un secondo, perché lui la sta strangolando lentamente e lei sta combattendo, cerca di liberarsi. Poteva lasciarla andare in qualsiasi momento. Ma la sua rabbia e il suo sentirsi tradito è così forte che egli non si ferma finché non è finita e probabilmente è l'atto più orribile che abbia mai compito. E' il grande crimine della sua anima insieme con quello che ha fatto alla sua prima moglie. Ora per gli standard di Westeros, non è certo un grosso crimine - "Allora un lord ha ucciso una prostituta, un grosso problema." Non è probabile essere punito per questo più di quanto non avvenga con gli altri lord e cavalieri che trattano con disprezzo popolane e prostitute, le usano e le gettano via.- Non è niente per quel mondo, eppure questa cosa lo tormenterà, ma sarà l'assassinio di suo padre che avrà enormi conseguenze, si è oltrepassato il limite, perché nessun uomo è maledetto più di un kingslayer.

EW: Vero, e c'è poi la sorpresa destata dall'ipocrisia di Tywin, quando la trova nel suo letto. Tywin sapeva che era una prostituta (nel libro non è chiaro)? O semplicemente non gli interessa?

GRRM: Tywin sapeva di Shae. Immagina che probabilmente sia la stessa al seguito delle sue truppe, quando disse "Non porterai quella prostituta a corte" e Tyrion lo sfida nuovamente facendo il contrario. Non voglio parlare di quello che è successo qui, ci sono alcuni aspetti che verranno rivelati nei prossimi libri. Ma il ruolo di Varys in tutto questo è da tenere presente.

Bisogna dire però che quello di Shae è uno dei personaggi che da libri a serie è cambiato maggiormente. I sentimenti che prova per Tyrion sono molto più sinceri. Questo è quasi contraddittorio, ma con la Shae della serie TV, si può dire che lei ha sentimenti veri nei confronti di Tyrion - lei lo sfida, lo provoca. La Shae nei libri è una prostituta manipolatrice a cui non importa niente di Tyrion, non più di qualsiasi altro, ma è accondiscendente, alimenta tutte le sue fantasie. Ci sta per i soldi e lo status, lei è tutto quello che Lord Tywin pensava della prima moglie di Tyrion, e che in realtà non era. Quindi ci sono una serie di livelli di complessità. Sono lo stesso personaggio, ma anche personaggi molto diversi, motivo per cui credo ci possano essere risonanze differenti nella serie.

FONTE: insidetv.ew.com