La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Intervista a Martin - Amazon


Fonte web.archive.org - Traduzione di Lord Beric



Come hai iniziato a scrivere? Intendevi da subito diventare scrittore, o c'è una ragione specifica dietro a ciascun libro?

Racconto storie da quando riesco a ricordarmi. Quando ero un ragazzino che viveva di progetti a Bayonne, ero solito scrivere storie di mostri e venderle agli altri bambini, comprendendo anche una lettura drammatica. Mi sono fatto i denti sui libri di fumetti, la fantascienza, il fantasy, e i racconti dell'orrore, e quando iniziai l'high school ero già praticamente certo che quello che volevo fare nella vita era raccontare storie.


Che autori ti piace leggere? Quali libri hanno hanno avuto influenza su di te e sulla tua scrittura?

Quando ero giovane i miei preferiti erano Robert A. Heinlein, Eric Frank Russel, e Andre Norton. All'high school scoprii H. P. Lovercraft e J. R. R. Tolkien, ciascuno dei quali ebbe un enorme impatto su di me - Lovercraft nei miei horror, chiaramente, e Tolkien sul mio ultimo lavoro, il fantasy epico A GAME OF THRONES, appena uscito per la Bantam. Altri tra i miei scrittori preferiti sono Jack Vance, Ursula K. LeGuin, William GOldman, Larry McMurtry e F. Scott Fitzgerald.


Puoi descrivere i dettagli più terra terra della scrittura? quante ore al giorni passi a scrivere? Scrivi le bozze a mano su carta o su tastiera (macchina da scrivere o computer)? Hai un posto o un momento preferito del giorno (o della notte) per scrivere? Come eviti - o cerchi! - le distrazioni?

Uso un computer. La mattina è il mio momento preferito. Mi sveglio, mi prendo una, o due, o nove tazze di caffé, riprendo quello che ho fatto il giorno prima e lo riguardo giusto per riprendere il filo, e riparto da lì. Se è una buona giornata, alzo lo sguardo e vedo che fuori è già buio e che ho ancora mezza tazza di caffé di fronte a mé. Quei giorni sono rari, comunque. Le distrazioni sono infernali. Non sono molto bravo a scrivere sugli aerei o nelle camere d'albergo, o in generale fuori dal confortevole sancta sanctorum del mio studio.


Incontri i tuoi lettori alle sessioni di autografi, alle convention, o a eventi del genere? Interagisci con loro elettronicamente tramite e-mail o altri forum on-line?

Partecipo a molte convention di horror e fantascienza, qua e là per il Paese, e sono sempre felice di incontrare i lettori. I forum on-line sono un buon mezzo per avere dei feedback. C'è un topic dedicato al mio lavoro sul service GEnie, e lo controllo regolarmente. Ho anche alcune cartelle su AOL, ma tendono ad essere meno gestibili. GEnie è il mio principale aggancio al mondo elettronico.


Quando e come hai approcciato la rete? Leggi newsgroups come rec.arts.books o rec.arts.sf.written, mailing list o altri forum on-line? Usi la rete per le tue ricerche, o è solo un buco nero per il tuo tempo? Riesci a comunicare via rete con altri scrittori o collaboratori?

Sono ancora abbastanza inesperto per quanto riguarda la rete. Ho infilato un dito in acqua, ma l'oceano è vasto. Le acque calme delle baie dei bullettin board come GEnie e AOL mi paiono più comprensibili.


Commenta sul Forum