La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Got: Effetti Speciali e nuova intervista a D.J.Peterson


Westeros ha annunciato che sarà la BlueBolt di Londra ad occuparsi degli effetti speciali per la prima stagione di Game of Thrones.
Sebbene sia una compagnia relativamente nuova, la BlueBolt può vantare un curriculum di tutto rispetto grazie ai suoi fondatori che hanno collaborato agli effetti speciali di Troy, Le Cronache di Narnia: il Principe Caspian, Sweeney Todd e Charlie e la Fabbrica del Cioccolato di Tim Burton, Poseidon, The Quantum of Solace e molti altri, tra cui i recentissimi Prince of Persia: Sands of Times, Scott Pilgrim vs. the World e Sherlock Holmes.
Il nuovo VFX producer sembra essere Paddy Kelly che ha lavorato in Avatar, The Golden Compass ed in alcuni dei films di Harry Potter; Angela Barson invece, la co-fondatrice della BlueBolt apparirà come supervisore degli effetti speciali almeno per un episodio.


Altra piccola news arriva direttamente dal mondo di Westeros, grazie a Winter is Coming, più precisamente dai Dothraki con una nuova intervista, da parte della rivista Usona Esperanto, a David J.Peterson il linguista della LCS incaricato di creare un linguaggio per questo popolo nomade e guerriero.

Qui di seguito la traduzione relativa alla parte in cui si parla di GoT e del linguaggio Dothraki.
UE: Parlaci della grammatica e della semantica Dothraki.

DJP: Ho cercato in tutti i modi di aderire il più possibile alle idee dei Dothraki esposte da GRRM nei suoi libri, dai quali emerge una sorta di "mentalità". Si tratta di guerrieri, certamente, ma hanno in loro una serie di dualismi; per esempio i Dothraki sono nomadi, eppure hanno una loro città fissa, Vaes Dothrak, ed inoltre hanno un codice comportamentale che si applica alla vita nella città che differisce da quello che avrebbero se si trovassero in qualsiasi altro luogo. Ho cercato di immettere queste differenti percezioni di luogo all'interno del linguaggio, ove possibile; ad esempio, in lingua Dothraki quando qualcosa viene fatto in segreto, di nascosto, si dice "torga essheyi" - letteralmente "sotto ad un tetto". Questo perché i Dothraki credono che tutte le azioni onorevoli debbano essere compiute a cielo aperto; per cui, fare qualcosa al di sotto di un tetto - al riparo dalla luce del giorno - significa farlo di nascosto ed in un modo che non merita approvazione.

UE: La forma della parola Dothraki "ido" (fasullo, finto) è una sorta di gioco interno tra l'Esperanto e lo "scisma di Ido? (Ido in esperanto significa "discendente", ma è anche il diminutivo di "esperanantido", ovvero "che deriva dall'esperanto", in seguito è stato usato per identificare quel gruppo di linguisti che volevano creare una versione più semplificata della lingua esperanto - nda)

DJP: Hee, hee...mi hai beccato! Vorrei precisare che non auguro alcun male alla comunità Ido, assolutamente. Prendetela come una bonaria presa in giro; di quelle che si farebbero ad un rivale a scuola. Ma attenzione; se avessi preso parte ad una competizione atletica Esperanto contro Ido, avrei orgogliosamente indossato un maglione con una stella verde (la stella verde a 5 punte è il simbolo dell'Esperanto - nda).

UE: Come si tradurrebbe "ne al glavo sangon soifanta" (non ad una spada assetata di sangue - nda) in Dothraki?

DJP: Amico, che verso hai scelto! Vuoi farmi lavorare davvero. Devo pure rispolverare il rarissimo participio presente....Menomale che non devo più creare altre parole. Ad ogni modo: Vos arakhaan feveya qoyoon...accidenti, 11 sillabe... Ovviamente, se questo fosse un verso "vos" potrebbe essere contratto a v'. In questo modo ne avremmo 10. Comunque, non voglio sottolineare che si tratta della traduzione di un verso e che, come risultato, il fraseggio è inusuale (se avessi l'intera frase con il verbo, credo lo renderei in modo diverso, ma senza il verbo, questa è la soluzione  migliore).


Nella versione integrale dell'intervista, Sai, il fondatore della Language Creation Society rivela in modo più dettagliato come l'HBO li abbia contattai per assisterli nella creazione del linguaggio Dothraki e come si è evoluto il processo di selezione.


 


 


Commenta sul Forum